Uno specchio tra due culture di Valeria Franchi a Cagliari

Uno specchio tra due culture di Valeria Franchi a Cagliari

postato in: Mostre | 0

Oggi vorrei proporre la mostra temporanea “Uno specchio tra due culture – S.E Rifletti” presente al MEM – Mediateca del Mediterraneo di Cagliari dal 4 all’11 Giugno 2016.

Il progetto artistico e multiculturale, supportato dall’Associazione Africadegna col patrocino della Regione Sardegna e del Comune di Cagliari, ha l’intento di evidenziare le caratteristiche che accomunano la donna sarda e quella egiziana.

L’artefice di questo “esperimento” è l’artista designer Valeria Franchi che mi ha contattato in settimana e mi ha incuriosito con il suo progetto “S.E. Rifletti”, dove appunto la S sta per Sardegna e la E sta per Egitto.

Prima di fare un focus sull’opera e la mostra, sarebbe utile conoscere l’artista.

 

Chi è Valeria Franchi?

Valeria Franchi - artista
Valeria Franchi – artista

Valeria Franchi è un’artista nata a Cagliari. Il suo carattere eclettico la porta a intraprendere due settori creativi, il design e la pittura su stoffa.

Affascinata dalla luminosità eterea delle opere di Rothko e dall’aggressività delle macchie di colore di Pollock, trova nell’espressionismo astratto la sua filosofia artistica.

La sua attività di ricerca artistica la spinge a realizzare complementi d’arredo e lavorare nel settore della moda, dove sperimenta varie tecniche pittoriche, dal batik all’acquarello, su tutti i tipi di tessuto.

Oltre la pittura, l’arredo e la moda, si distingue per il suo impiego nel sociale. Dedica la sua arte ai portatori di handicap utilizzando e insegnando delle tecniche specifiche per il raggiungimento dell’autonomia.

Tornando al settore moda, l’artista partecipa a diverse sfilate dove modelle indossano le sue opere: collant dipinti a mano nello stile dell’espressionismo astratto. Nel corso di queste sfilate e nei suoi collant prende forma la Neo Body Art, il suo movimento artistico. “Non un corpo dipinto, ma un corpo che accoglie e trasforma il dipinto”.

Valeria non trascura il suo interesse per la pittura astratta su tela e ispirata dai lavori di Michelangelo Pistoletto e Marina Abramovich, include nella sua realizzazione artistica anche il video e la performance.

Dal 2006 vive tra l’Italia e l’Egitto ed è proprio qui, durante uno dei suoi soggiorni al Cairo, che ha preso vita il progetto “S.E. Rifletti”.

 

 

La mostra e l’opera “S.E.Rifletti”

installazione-se-rifletti-valeria-franchi
S.E Rifletti di Valeria Franchi – installazione presente alla mostra “Uno specchio tra due culture”

 

Il progetto nasce con l’intento di accomunare la cultura sarda e quella egiziana attraverso diversi modi di comunicare e tecniche artistiche: Video-installazioni, fotografie, tele dipinte e trascrizione e traduzione di alcune poesie articolano tutto il percorso espositivo.

L’opera S.E.Rifletti di Valeria Franchi è il cuore della mostra. L’installazione comprende due specchi, uno accanto all’altro,  della stessa forma ma con cornici differenti.

Nel primo “l’hijab”, il copricapo della donna musulmana, nel secondo “su muccadori”, il copricapo tradizionale della donna sarda.

Due veli che appartengono a due culture distinte e separate da chilometri di mare e da millenni di storia. Ma a ben guardare due culture non così diverse, proprio a cominciare da quei due copricapi.

Il visitatore che vede il riflesso del suo viso con quelle due cornici, non puoi fare a meno di notare quanto la sua immagine, nei panni della donna sarda o in quelli della donna egiziana, sia simile. E non può fare a meno di domandarsi “Siamo così diversi?”. È questa la provocazione dell’artista che invita tutti a questa riflessione.

Tutti i visitatori della mostra potranno specchiarsi e riflettere mentre una video-maker e alcuni fotografi li riprenderanno: il progetto “S.E.Rifletti” è un working progress che continuerà anche all’estero.

 

se-rifletti-valeria-franchi-3

 

Nel corso della mostra saranno recitate delle poesie nelle due lingue e verranno trasmessi due video: uno di Karim Naguib, cantautore e film-maker egiziano, e della sua “YaMakan” (“C’era una volta”), canzone che parla del declino della società egiziana paragonando la cultura di questo paese a una donna amata che però tradisce il suo amore.

L’altro video, “SE.Rifletti”, è stato girato da Valeria Franchi nei due Paesi a simboleggiare l’unione delle due culture: quella Sarda e quella Egiziana.

 

 

Per maggiori informazioni sul programma della mostra è possibile seguire l’evento su Facebook

locandina-se-rifletti

 

Segui Mattia Recupero:

Web designer e pittore

La mia passione è il Colore. Di giorno lo catturo nella quotidianità e la sera lo ritrovo nei miei quadri, nelle mie foto e nella forma che mi accoglie

Rispondi